DA ROBERTO VACCA - 2 LUGLIO 2014

Quid cogitas? Quantum et quomodo cogitas? di Roberto Vacca, Giugno 2014.

“Cogito ergo Cartesius est”, scrisse Saul Steinberg, il famoso disegnatore. La battuta strappa un sorriso, ma non dice molto.

Poi c’è la storiella dell’oratore che dice al suo pubblico napoletano:

“Io sono un libero pensatore.”

E uno dalla prima fila gli chiede: “E a che pienz’?”

Non è solo una battuta. È una questione cruciale. Anche certi animali pensano, dato che hanno memoria e fanno scelte. Tutti noi pensiamo spesso facendo passare immagini per la nostra mente, senza descriverle con parole. Se usiamo parole (anche non pronunciate, né scritte) queste possono costituire proposizioni staccate o connesse in modo debole: “Chiamo l’ascensore – Salgo al mio piano - Ho fame. – Mangio pane. – Tuona. – Forse pioverà.” – e così via.

Da 24 secoli abbiamo imparato da Aristotele a ragionare con i sillogismi. Però ci vollero 10 secoli per capire che ce ne sono 19 tipi diversi (lo capì Psello). Da 23 secoli abbiamo imparato da Euclide a dettare postulati, a formulare ipotesi e a dimostrarle. Da pochi secoli abbiamo imparato a fare osservazioni e a descrivere con la matematica fenomeni naturali, processi.

Anche quando non usi questi strumenti, pensi. Però le idee o i simboli che traversano la tua mente non sono organizzati. Non lasciano traccia. Confermano “alla Cartesio” che esisti, che sei un essere umano, ma non tanto straordinario. Mezzo secolo fa scrissi una pagina del mio libro “Esempi di Avvenire” su che cosa sia un uomo. La riporto qui:

“Tutti conoscono la definizione: “L’uomo è un bipede implume”, ma sociologi, filosofi, sacerdoti o «intellettuali” in genere restano confusi quando siano chiamati a rispondere a questa domanda. Io ricorro, allora, al metodo socratico e pongo domande che riporto qui di seguito con le risposte che ricevo.

« È un uomo chi non sa leggere?”

« Si, certo.”

«Chiami ancora “uomo” chi ha una scelta di parole molto limitata?”

«E perché no?”

« Anche chi usa solo 200 parole? Anche solo 100?”

« Direi di sì.”

«Solo 10 parole?”

«Beh in questi casi si deve trattare di deboli mentali.”

“E chi non parla, non scrive, non legge lo consideri un uomo o no?”

“Sì, ma affetto da afasìa.”

È facile immaginare altre domande:

«È un uomo chi non sa guidare l’automobile?” - «È un uomo chi non sa manovrare un tornio?” - “È un uomo chi non sa che la somma dei cubi dei primi N numeri naturali è uguale al quadrato della somma degli stessi N numeri?” - « È un uomo chi non sa niente di fisica, letteratura, agricoltura?”  - “È un uomo chi non si sa nutrire da solo?”

Per mezzo di altre limitazioni è possibile precisare meglio come definire un uomo. Concludo che essere un uomo significa “sapere” qualche cosa o “saper fare” qualche cosa. Per essere più compiutamente uomini dobbiamo tendere a sapere di più e a saper fare di più. Queste considerazioni possono spiegare la sete di sapere che altrimenti potrebbe apparire una tendenza gratuita di alcuni uomini, forse connessa all’istinto di sopravvivenza.”

Il “Cogito ergo sum” è una proposizione modesta. Ci vogliono risposte alle domande; “Quid cogitas? Quantum et quomodo cogitas?”[“Che cosa pensi? Quanto e come pensi?”

Descartes ha scritto molto sul pensiero razionale: una funzione solo umana resa possibile dalla nostra anima, dataci da Dio quando veniamo concepiti – non ”estesa”, cioè immateriale: puro spirito. Il 21 aprile 1641 Cartesio scrisse al matematico Mersenne che i segnali dai nostri sensi viaggiano sui nervi e arrivano al conarium (così chiamava la ghiandola pineale) che li trasmette all’anima. Il filosofo sosteneva, poi, che l’anima ci permette di scegliere: abbiamo il libero arbitrio. Quasi tutti pensano di scegliere liberamente, anche se siamo condizionati dalla nostra educazione, da esperienze precedenti, da convenzioni sociali, dal pensiero delle possibili conseguenze delle nostre azioni.

Invece 30 anni fa il neurofisiologo Benjamin Libet dell’Università della California a San Francisco, sostenne che crediamo di prendere decisioni, ma che sono certi neuroni nel nostro cervello a decidere per noi. Istruì alcune persone a premere un tasto a loro volontà dichiarando in quale istante prendevano ciascuna decisione. Intanto registrava certe loro attività cerebrali per mezzo di immagini di risonanza magnetica funzionale. Osservò, dunque, che queste presentavano variazioni brusche in anticipo rispetto agli istanti in cui i soggetti indicavano di aver deciso di premere il tasto.

Recentemente Gabriel Kreiman, di Harvard, ha confermato le osservazioni di Libet registrando che una ventina di neuroni, individuati come rilevanti, si attivavano 300 millisecondi prima del momento della decisione cosciente dei soggetti dell’esperimento.

Taluno ha concluso che i neuroni del nostro cervello entrano in azione a caso: quando vogliono loro, non quando decidiamo noi. Dunque non avremmo libero arbitrio, ma decideremmo a caso le nostre azioni. I nostri neuroni funzionerebbero come monetine: testa o croce non dipende da noi.

Mi sembra una semplificazione indebita. I nostri tempi di reazione sono dell’ordine di frazioni di secondo sia nel reagire a stimoli esterni, sia nell’effettuare un’azione. È discutibile quale debba essere definito come il vero istante in cui prendiamo una decisione. Gli esseri umani, infine, non sono capaci di valutare “a sentimento” intervalli di tempo così piccoli.

Sarà bene discutere da capo la questione dopo che siano state analizzate più completamente le sequenze dei nostri processi mentali, identificate le connessioni causali e definito bene il concetto di libero arbitrio.