Qui vi presento qualche veduta della zona costiera della Normandia, posto non molto frequentato da noi italiani anche perchè il mare è piuttosto freddino. Nella zona interna ci sono parecchi veri tesori di arte, come la "tappezzeria" (in realtà è una lunga striscia a ricamo) di Bayeux, ma secondo il nostro gusto anche la costa vale decisamente la pena di essere vista, proprio perchè assai differente da paesaggi a cui siamo abituati.

      Nel 1941 le truppe tedesche occupanti la Francia hanno installato sulla collina di fronte due impianti radar molto potenti per controllare i movimanti aerei e navali sulla costa dell'Inghilterra. Nella notte tra il 26 e il 27 febbraio del 1942 centoventi paracadutisti inglesi sono stati lanciati qui, hanno attaccato le difese avversarie, hanno distrutto i radar prelevandone comunque parti essenziali da riportare in Inghilterra per valutare la tecnologia utilizzata e si sono reimbarcati, sotto il fuoco, su imbarcazioni leggere inglesi infiltratesi sotto costa con un paio di prigionieri. Il fatto d'arme, relativamente assai poco cruento ma decisamente notevole per organizzazione e coraggio dei partecipanti è commemorato dal monumento in basso a destra.

Più a occidente, oltre l'estuario della Senna, dove la costa è più bassa, si trovano le spiagge dello sbarco alleato (5-6 giugno 1944) con notevoli cose da vedere, come parecchi elementi dei porti artificiali (Mulberry) costituiti da cassoni cavi di cemento armato fatti galleggiare e trainati al posto assegnato e fatti affondare, in modo da costituire dighe frangiflutti e moli. Il che ha permesso di superare, senza che le truppe sbarcate restassero isolate, la mareggiata (prevista dai metereologi) e la cui previsione, appunto, ha fatto sembrare improbabile lo sbarco in quel momento e su quella costa.

 La roccia è molto strana, per noi: è gesso, gesso vero (ci si può proprio scrivere) con strati di ciottoli un po' meno piccoli. Le striature orizzontali non sono un difetto della fotografia, ma sono gli strati in cui il gesso si è depositato sul fondo del mare di non mi ricordo quanti milioni di anni fa (non c'ero).

Anche l'acqua del mare, sotto costa, ha una tonalità lattea: la luce solare stessa dà una sensazione di chiaro.

 

Luminosità di cielo visto attraverso il portale gotico di una chiesetta -

   Può sembrare strano, ma ci sono parecchie belle spiaggette riparate (e non cadono sassi)

      Gli archi naturali li chiamano "Portes"

  E possono formare, con pinnacoli e pinnacoletti dei notevoli intrugli -


                Come questo.