7 DICEMBRE 2017, IN "APPUNTI" ALCUNE RIFLESSIONI IN MARGINE A CONVEGNO SU SCUOLA, UNIVERSITA' E RICERCA -

     11 FEBBRAIO 2017, INIZIA UNA SEZIONE DEDICATA AI BORGHI E ALLE CHIESE DELL' ITALIA CENTRALE COM'ERANO PRIMA DEI TERREMOTI - UNA PAGINA PER PRECI E CAMPI -

   NOVITA' DEL 3 FEBBRAIO 2017:

IN "COSE BIOLOGICHE" UNA INTRODUZIONE IN CUI SPIEGO PERCHE' MI PARE NECESSARIO CHE PERFINO CHI SI OCCUPA DI POLITICA SI DOVREBBE TENERE INFORMATO SU QUESTIONI BIOLOGICHE -

POI, NELLA SOTTOPAGINA "HOMO E STRUMENTI" OSO FARE L'IPOTESI CHE L'USO DEGLI STRUMENTI SIA STATO DETERMINANTE NELLA NELLA NOSTRA TRASFORMAZIONE DA AUSTRALOPITECHI NELL'ATTUALE "HOMO SAPIENS" -

   (BEH, PROPRIO "SAPIENS" NON SEMPRE)



Perchè un sito invece del solito blog ? Perchè il sito non ha i limiti di tempo e di spazio del blog, in cui non si può (almeno per me) non sintetizzare all'estremo (e quindi distorcere) i ragionamenti e si è legati ai tempi del botta e risposta, il che favorisce la superficialità.


Per critiche, insulti, chiarimenti, contributi usate la mia casella e-mail "lesieurdemoi@virgilio.it "

Descrizione immagine

"ANCORA IMPARO", anzi, per la grafia dell'epoca, "ANCHORA", è stata una serie di xilografie dei secoli XVI e XVII raffiguranti un vecchiaccio che studiava libri e libroni, a illustrare il concetto che di cose non se ne sanno mai abbastanza quante sarebbe necessario. A meno di credersi infallibili o per supposte superiori capacità personali o per l'adesione a una qualche credenza strumentalmente assunta come via all'infallibilità. Quindi, nelle mie congetture, ipotesi e elucubrazioni ci saranno certamente degli errori: ma un'applicazione ossessiva del dubbio costruttivo dovrebbe ridurne almeno un po' il numero e la gravità: auguri a chi esplora il sito e ne legge le polemiche !


                   Claudio Fornasari

                


                 LE FOTOGRAFIE


              E PARECCHIE IDEE


                       SONO DI


            MARIA TERESA CUCCHI


Descrizione immagine


Qualche avvertenza.


Questo non è un blog, almeno per il momento: ho già abbastanza da fare per creare o comunque organizzarne i contenuti per potere poi rispondere tempestivamente a osservazioni o critiche sempre benvenute ma che per il momento devono arrivarmi per e-mail all'indirizzo: "lesieurdemoi@virgilio.it".   Grazie !


Poi, è meglio chiarirci subito sui miei pregiudizi culturali e politici:

io sono iscritto al Circolo PD "Giovanna Marturano" (persona splendida che ho fatto in tempo a conoscere) di Roma e cerco anche di partcipare costruttivamente, al mio livello di piccola formichina, al lavoro politico.


Perchè, se il politico X, come persona (anche politica) è magari da prendere con le molle o quello Y sarebbe da sbattere fuori dal partito o quello Z invece sarebbe da mettere "dentro", nel senso che se ne dovrebbe occupare l'Autorità Giudiziaria, la Politica è invece una cosa A) indispensabile, non essendo noi più, per numero e cultura, organizzati o organizzabili in gruppi di qualche diecina di persone come i nostri antenati cacciatori-raccoglitori; e B), di valore, se fatta seriamente (quindi non limitandosi solo al raccogliere il consenso) altissimo. Leggendo per esempio quanto scrivo sulla non linearità delle attività economiche in un ambiente tecnico il mio parere risulterà, credo, motivato.


Poi, io distinguo tra chi ritiene che il plusvalore possa, o anzi debba, esserci ma vada socializzato e chi ritiene che il plusvalore semplicemente non possa esistere. La seconda posizione a me sembra "creazionista" e quindi, per la sinistra, suicida: seducente ma suicida.

La prima invece è una strada assai faticosa, ma ho la presunzione di ritenerla l'unica percorribile.

Quindi, avendo la presunzione di autodefinirmi, mi dichiaro un liberale non liberista. Capisco che suoni assai strano, ma non poi tanto, se si esce dagli schemi prefabbricati.


Se scrivo che secondo me un X sbaglia, questo NON significa che X sia un ladro, un farabutto o che le sue antenate abbiano commesso chissà che peccati. Nelle cose serie, per capirle, assai spesso si va per tentativi: quindi si fanno un sacco di errori. Il riconoscimento della fallibilità umana comporta la necessità della tolleranza e della libertà, non solo come valori ma anche come strumenti di lavoro, per affrontare problemi seri.


Infine, in questo sito vorrei metterci sopratutto delle cose relativamente "strane": non è che abbia senso metterci l'ennesima fotografia di San Pietro: gli argomenti cercherò di sceglierli per importanza ma anche per relativa novità.

 DATA DI PUBBLICAZIONE 6 12 2013

    Per chi volesse contattarmi, per rilevare errori, esprimere dissenso eccetera: per favore scrivete una e-mail a "lesieurdemoi@virgilio.it"

(Aggiornamento del 28/1/2017)

  

     GIURO CHE NON SAPEVO CHE L'HA


          DETTO ANCHE MICHELANGELO,


                   "ANCORA IMPARO" !

      

     E NESSUNO MI HA DETTO NIENTE !

  

            BEGLI AMICI MI RITROVO !